Bultei

Macromedia Flash is required. Download Macromedia Flash.

Abitanti: 1.087
Altitudine: 509 metri s.l.m
Superficie: 25.25 Kmq


Municipio: Via IV Novembre - Tel. 079.795708 - Fax 079.795852
Cap: 07010
Web: www.comune.bultei.ss.it
E-mail: cbultei@tiscali.it


Demo video 1
Audioguida Comune di Bultei


scarica il file .mp3
 

Cenni sul paese:


Il centro abitato si adagia ai piedi della catena del Goceano in una pittoresca e fertile valle concava bagnata dalle acque del Tirso e ricca anche di sorgenti termali sulfuree conosciute e utilizzate fin dall’epoca romana. Il territorio è famoso per i suoi boschi visitati da innumerevoli escursionisti: estesi per 1.500 ettari sono particolarmente importanti dal punto di vista naturalistico e suggestivi per la loro intatta bellezza. Il complesso forestale comprende le due note località di Sa Fraigada e Fiorentini che conservano alcune delle piante più tipiche della flora sarda: il leccio, la roverella, il tasso e l'agrifoglio. Svettano maestosi anche centinaia di pini larici e cedri atlantici, importati dalla Corsica nel 1927, che adattatisi perfettamente al clima contribuiscono a formare un ambiente favorevole alla vita di una fauna varia e abbondante: sono infatti ampiamente presenti cinghiali, martore, volpi, donnole e sparvieri. Su autorizzazione dell’Amministrazione Foreste Demaniali è possibile anche il campeggio in aree appositamente indicate. Numerosi i siti preistorici fra cui spicca una caratteristica tomba monumentale di tipo dolmenico, (a corridoio coperto) nella zona di Su Coveccu. La civiltà nuragica è testimoniata da tombe di giganti (come quella di Sas Prisgionas) e da numerosi nuraghi (Norchidda, Curzu, Logustana, Bonirò, Ludo, Pedra 'e Battile, Tilariga: in quest'ultimo si possono scorgere ancora i resti delle mensole che reggevano il terrazzo superiore, forse in legno).


Attività economiche:


L'attività principale è quella agro-pastorale. Non mancano piccole iniziative di imprenditoria autonoma artigianale. Il suo avvenire è legato allo sviluppo delle Terme di San Saturnino e allo sviluppo delle risorse della montagna.


La storia:


La sua origine si perde nel silenzio della storia. Si presume che i primi insediamenti siano iniziati nel periodo medioevale. Sembra probabile, però, che il rione di "Oriatta" e il rione di “Su Enu” possano vantare origini più remote. E' certo che, nel periodo imperiale, il territorio contasse diversi insediamenti, individuati in regione Santa Vittoria e Santa Giulia, a valle dell'attuale centro abitato. Nel periodo giudicale, lo troviamo inserito nella contea del Goceano e più precisamente nella Curatoria di Anela. In alcuni documenti appare come "Gulsei". Più tardi si trasforma in Bultei, come è accaduto per Bortiocoro, che si chiamava Gulciocor e per Bottidda, che si chiamava Gocille. Appare certa l'esistenza di un centro abitato chiamato Bulterina, posto in prossimità dell'attuale Benetutti. Appare verosimile che, alla sua scomparsa, una parte della popolazione si sia spostata, per ragioni ignote, in altro sito più salubre e che, in ricordo di Bulterina, abbia voluto chiamare il nuovo centro abitato col nome di Bultei.
 

Le tradizioni e gli eventi:

MANIFESTAZIONE LUOGO DATA
Festa di Sant'Antonio Centro urbano 17 gennaio
Festa di San Sebastiano Centro urbano 20 gennaio
Festa di SS. Pietro e Paolo Centro urbano 29 giugno
Festa di Santa Margherita Centro urbano 25 settembre